TARI 2020, AL VIA GLI AVVISI DI PAGAMENTO

TARI 2020, AL VIA GLI AVVISI DI PAGAMENTO

La prima rata scade a Settembre 2020

Dopo la sospensio per emergenza Covid, sono iniziate le operazioni di recapito degli avvisi di pagamento precompilati per il versamento in acconto  del 90% della  tassa sui rifiuti Tari 2020.

Per le utenze domestiche gli avvisi di pagamento arriveranno per posta mentre per le utenze non domestiche le operazioni vengono effettuate tramite trasmissione via pec.

La scadenza della prima rata Tari è fissata al 30 settembre; la seconda e la terza rata hanno scadenza, rispettivamente, al 16 novembre e 16 dicembre. E’ comunque possibile procedere al versamento in unica soluzione entro il 30 settembre. 

Le utenze non domestiche interessate dai numerosi provvedimenti governativi di chiusura per emergenza sanitaria  riceveranno un avviso  in acconto Tari 2020 pari alla sola quota fissa del tributo , a prescindere dai giorni di serrata  imposti dai provvedimenti governativi. 

Il saldo dell’annualità 2020 è previsto dal 2021. 

Uffici Tari per chiarimenti

A causa delle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria ancora in corso presso gli Uffici Tari è possibile richiedere ogni chiarimento in merito alla propria posizione relativa alla tassa sui rifiuti con le modalità sotto indicate : 

in via prioritaria rivolgersi allo sportello telematico: tel 0586886031; e-mail: tari.livorno@icatributi.it.

Per i casi non risolvibili telematicamente e/o di particolare rilevanza e complessità  gli uffici ricevono solo su appuntamento  prenotabile connettendosi al sito www.tupassi.it o scaricando la relativa app. E’ possibile prenotare un appuntamento anche telefonando al numero 0586886031. Gli appuntamenti saranno gestiti presso Ufficio Tari di via Marradi 118  negli orari di apertura al pubblico : lunedì e venerdì ore 9.00 – 13.00; martedì e giovedì: ore 15.30-17.30. Mercoledì: chiuso.

Sono comunque consultabili le pagine dedicate alla Tari sul sito web: www.comune.livorno.it, link a “tributi”, poi a “Tares-Tari”.

In caso di mancato recapito dell’avviso di pagamento

1) Il modello può essere richiesto tramite  posta elettronica a  tari.livorno@icatributi.it

2) Il modello è anche  scaricabile dalla rete civica del Comune di Livorno, Servizi on line, Sportello del cittadino. Si  può visionare la propria posizione Tari  e stampare l’avviso di pagamento 2020 con i relativi modelli F24 precompilati per il versamento,  se si è muniti delle credenziali per l’accesso al  Portale dei servizi al cittadino. Tale servizio è raggiungibile anche utilizzando le credenziali Spid, seguendo gli appositi link disponibili dai servizi on line della rete civica. 

(Con le credenziali ci si autentica con utente e password ricevuti . Nelle tipologie dei servizi al cittadino occorre scegliere Tributi,consultazione posizione tributaria.Selezionare  Tares/Tari, si clicca su  POSIZIONI TARES/TARI, visualizza posizioni  con riferimento all’anno 2020:“STAMPA AVVISO ODINARIO” . Con un  clic è possibile stampare l’avviso di pagamento e i modelli  f24 per procedere al versamento. È presente sia il modello per rata unica, con scadenza al 30 settembre, sia i modelli per i versamenti rateali (  prima rata scadente al 30/9; seconda rata scadente al 16/11; terza rata scadente al 16/12/).  

Si ricorda che il versamento oltre le date indicate può essere regolarizzato attraverso il ravvedimento operoso, versando unitamente al tributo una sanzione pari al 0,1% del tributo dovuto per ogni giorno di ritardo fino al quattordicesimo; se il ritardo è compreso tra il quindicesimo giorno ed il trentesimo dalla prescritta scadenza la sanzione è pari al 1,50% del tributo; per ritardi compresi tra il trentunesimo e il novantesimo giorno dalla scadenza la sanzione è pari all’1,67% del tributo da versare.  

Le modalità di calcolo del ravvedimento operoso sono rinvenibili in Rete Civica, Tributi, Tares-Tari, Ravvedimento operoso www.comune.livorno.it, link a “tributi”, poi a “Tares-Tari”, infine a “Ravvedimento operoso”. E’ consigliabile comunque rivolgersi telematicamente agli uffici per farsi fornire il modello F24 precompilato con cui procedere al relativo versamento.

Quando non è necessario  prenotare  un appuntamento  

Nel caso in cui il  numero dei componenti il nucleo familiare sia inferiore a quello indicato nell’avviso di pagamento ricevuto ( che si riferisce alle risultanze anagrafiche al 30 giugno) (esempio: eventi modificativi quali decesso di un componente; recente  emigrazione dal Comune di Livorno di uno o più dei componenti; recente trasferimento di residenza all’interno del Comune di Livorno di uno o più componenti, successivi al 30/06 ) non occorre presentarsi agli sportelli e va comunque versato integralmente l’importo indicato nell’avviso di pagamento già ricevuto. L’art. 22 comma 10 del vigente Regolamento comunale per l’applicazione della tari ( delibera CC n. 105/2020) prevede automatico conguaglio compensativo per l’anno successivo. ( es. pago avviso 2020 per 5 persone, pur essendo deceduto un componete a luglio 2020; nel 2021 troverò detratto l’importo di x € versati in eccedenza nel 2020). 

Quando  contattare lo sportello telematico o richiedere appuntamento     

Divergenza tra la residenza attuale e la casa individuata come tassabile nell’avviso di pagamento (es. l’avviso arriva in via x… e attiene alla casa dove si risiedeva molti anni fa):è consigliabile rivolgersi agli uffici successivamente alla scadenza della prima rata (30/09/2020)- che deve essere comunque versata- ed entro la scadenza della seconda ( 16/11/2020) fornendo agli Uffici anche copia del versamento della prima rata già effettuato.

Avatar

Riccardo Repetti

Nato a Livorno il 4 luglio 1956, compiuti gli studi superiori in specializzazione tecnica, ha coltivato da subito la grande passione per il giornalismo accompagnata dall’amore per la fotografia . Risale al 1986 il primo incarico professionale per la redazione livornese de "La Nazione", che dura fino al 1988, quando a ingaggiarlo è "Il Tirreno", Dal 1992 è iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana, elenco pubblicisti. Concluso il rapporto di lavoro con "Il Tirreno”, dopo 31 anni il 31/12/2019 , dal primo gennaio di quest'anno svolge la libera professione. Attualmente dirige il notiziario on line pentanewslivorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *