Situazione del Livorno calcio, le parole del sindaco Luca Salvetti

Situazione  del Livorno calcio, le parole del sindaco Luca Salvetti

Il sindaco Luca Salvetti ha inviato un comunicato che pubblichiamo relativo alla disastrosa situazione del Livorno Calcio :

Giornate intere ad osservare comportamenti incomprensibili e ad ascoltare parole a cui poi non seguono atti concreti. Adesso basta, la città di Livorno non lo può più accettare, il quadro descritto dal presidente della Lega nel comunicato di ieri è molto chiaro. Francesco Ghirelli, che ringrazio personalmente per l’attenzione rivolta alla nostra realtà calcistica, ha raccontato come si sono realmente svolte le cose sia nell’incontro di giovedi sera, sia nel cda di venerdi, sia nei contatti successivi di queste ore, confermando che, se non si trattasse del dramma sportivo di una società di calcio che rischia di scomparire dopo 105 anni di storia, potremmo definirla una situazione da “scherzi a parte”.
Il passaggio di mano dalla famiglia Spinelli agli altri soci che si sono susseguiti ha vissuto decine di momenti che hanno finito per portarci in un vicolo cieco e in un quadro dove la fideiussione a copertura dello sforamento budget non è stata ancora presentata. Va fatto subito e vanno rispettate le scadenze. La squadra non ha certezze e rischia di smarrirsi tra stipendi non riscossi, richieste di svincoli, spese di trasferte non coperte. A questo aggiungiamo il clima di precarietà nel quale lavorano i dipendenti dell’A.s. Livorno, privati del diritto di veder retribuito il proprio lavoro, e l’insopportabile quadro nel quale opera il settore giovanile con i nostri ragazzini costretti di giorno in giorno ad elemosinare un posto dove allenarsi.
Ogni socio con le proprie percentuali, con le proprie responsabilità passate e attuali e con le scusanti che avanza deve, dal punto di vista morale, farsi un esame di coscienza e cambiare atteggiamento, anche perché l’esasperazione della tifoseria rischia di determinare momenti di tensione, come quelli già avvenuti nella sede della società, che dobbiamo assolutamente evitare.
Chi vuole il bene del livorno deve mettere da parte il pensiero esclusivo ai propri interessi, deve fare un passo indietro e consentire di poter costruire un nuovo assetto societario e, con il contributo di tutti, l’unico percorso possibile per salvare il Livorno dal baratro.
La situazione attuale è il frutto di scelte cervellotiche, dispetti e ripicche che possono essere cancellate da un generale atto di buon senso, senza questo il Livorno fallirà ma sarà destinato a tornare più forte di prima come è già accaduto in passato, mentre chi avrà rinunciato a salvare la società si porterà questo fardello che peserà sulla sua coscienza e sulla sua reputazione nel mondo del calcio e in quello imprenditoriale.
Una sola via rimane, le dimissioni dei soci dell’attuale compagine per consentire un tavolo per costituire il nuovo consiglio di amministrazione alla cui base ci sia l’impegno finanziario sottoscritto con i fondi necessari a saldare quanto è carente e ad assicurare la conclusione della stagione sportiva 2020-2021. Chi lo dovesse fare avrà acquisito credibilità.

Avatar

Riccardo Repetti

Nato a Livorno il 4 luglio 1956, compiuti gli studi superiori in specializzazione tecnica, ha coltivato da subito la grande passione per il giornalismo accompagnata dall’amore per la fotografia . Risale al 1986 il primo incarico professionale per la redazione livornese de "La Nazione", che dura fino al 1988, quando a ingaggiarlo è "Il Tirreno", Dal 1992 è iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana, elenco pubblicisti. Concluso il rapporto di lavoro con "Il Tirreno”, dopo 31 anni il 31/12/2019 , dal primo gennaio di quest'anno svolge la libera professione. Attualmente dirige il notiziario on line pentanewslivorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *