I circoli nautici sbattono la porta in faccia a Vitelli

I circoli nautici sbattono la porta in faccia a Vitelli
Paolo Vitelli,(benetti azimut) foto pentafoto

Quasi un mese fa, il 18 ottobre, in uno speciale pubblicato dal
“Tirreno” sui 50 anni di vita dei cantieri Azimut, il patron Paolo
Vitelli rilanciò il piano per la realizzazione del Marina all’interno
del porto Mediceo. Grande enfasi, grandi impegni, parole suadenti
(<voglio dare a Livorno un grande porto turistico>), con toni che a
tanti erano già apparsi fin troppo <autocelebrativi>. Ma che oggi si
schiantano contro la porta in faccia sbattuta all’imprenditore
dall’Associazione per la tutela e Conservazione delle Tradizioni
Marinare e del porto Mediceo. Ovvero l’associazione che riunisce tutti
i circoli nautici del Mediceo e non solo. Ecco il testo del documento
che porta la firma del presidente Mantellassi, ma anche
dell’avvocato Sandro Bellesi, consulente legale dell’associazione. A
conferma che i circoli nautici sono pronti a tutto in quella che si
annuncia una dura battaglia contro Vitelli e Azimut. Se necessario
anche legale. Come appare già inevitabile.

ecco il testo del comunicato:

OGGETTO: Risposta ragionata sul quanto pubblicato in cronaca di Livorno de’ Il Tirreno il giorno 18 ottobre u.s.

In relazione all’articolo pubblicato sulla cronaca di Livorno il 18 ottobre 2020 avente per titolo “50 anni sulla cresta dell’onda ”Ora voglio dare a Livorno un bellissimo porto turistico”, che ha in oggetto l’intervista a Paolo Vitelli e i suoi progetti futuri per la nostra città, i circoli vagamente menzionati e riuniti in Associazione, rispondono con l’articolo e la tabella allegata di seguito riportati.

I CIRCOLI NAUTICI RISPONDONO AD AZIMUT

I circoli nautici del porto Mediceo di Livorno organizzati nella “Associazione di secondo livello per la tutela e la conservazione delle peculiari tradizioni marinare e del Porto mediceo (CTMM)”, non possono incassare in silenzio quanto dichiarato da Paolo Vitelli in un’intervista apparsa su “Il Tirreno” dello scorso 18 Ottobre, dove perfino l’intervistatore sottolineava: ”Questa lunga intervista a Paolo Vitelli… è stata raccolta prima della quarantena per l’epidemia del corona virus…”. Se, dunque le proposte formulate da Azimut ai circoli della darsena Nuova e del Mediceo, prima del covid-19, risultavano inaccettabili nella forma ed ancor più nella sostanza, adesso sortiscono addirittura l’effetto di uno schiaffo alla nautica cittadina e al patrimonio storico e culturale dei livornesi. Tralasciando

ogni considerazione sugli enormi benefici che Azimut Benetti ha ricevuto dai livornesi, a cominciare dall’acquisizione ad ottimo mercato del cantiere navale, artatamente strangolato mentre era ancora in attività, anche per mezzo dell’artifizio di una amministrazione controllata che avrebbe dovuto salvarlo, per finire alla grottesca vicenda del sistema dei bacini da carenaggio, comprendente il grande bacino in muratura di ben mt 350 per quasi 60. Il complesso dei bacini offriva lavoro a una trentina di aziende di riparazione navale con circa 400 addetti, con alle spalle altrettante famiglie e, a dispetto di quanto sì era cercato di far credere, era sempre risultato remunerativo, sì da sostenere il cantiere con le riparazioni anche nei suoi momenti più critici.

Il costo dell’operazione inoltre fu prestissimo ampiamente ripagato attraverso operazioni edilizie.

In questi anni in molti porti italiani si è assistito ad una corsa verso la costruzione di nuovi bacini, vedi Genova e oggi anche Gioia Tauro attende il via per dotarsi di un buon bacino da carenaggio.

La turpemente triste vicenda dello scempio di cui è stato oggetto il grande bacino in muratura di Livorno è fin troppo nota ed ampiamente documentata; per essere massimamente sintetici, il grande bacino, di proprietà pubblica, consegnato funzionante ad Azimut, è stato lasciato metodicamente vandalizzare e demolire sotto gli occhi tutt’altro che ignari di chi avrebbe dovuto vigilare.

Come potremmo, dunque, rimanere passivi di fronte allo stucchevole paternalismo di cui trasudano le parole di Vitelli quando sostiene di voler regalare a Livorno un bellissimo marina, più esattamente approdo turistico, che, fra l’altro, già esiste, è ben funzionante, vanta strutture funzionali e oltremodo decorose e, circostanza non trascurabile, è praticamente saturato dalle imbarcazioni di moltissimi livornesi, di diritto e di adozione che, verso un equo corrispettivo, trovano nei circoli l’espressione più elevata della funzione sociale ed educativa di una nautica accessibile non esclusivamente alle categorie più abbienti?

Nell’intervista di fronte alla domanda del giornalista sui lavori; “…a che punto siamo?” Vitelli risponde: “C’è un’intesa e prevede che più di un terzo del porto turistico venga dato in gestione ai circoli nautici locali. La costruzione e le eventuali ristrutturazioni saranno a nostro carico… “

Ebbene, l’intesa con i circoli – va detto con chiarezza che non esiste se non, forse, nei sogni dello stesso Vitelli. Parlare di accordo in questi termini è invero privo di qualsiasi fondamento, come altre affermazioni dell’intervista. Il progetto, o meglio il disegno, presentato ai circoli appare manifestamente sproporzionato, sopra tutto sotto il non chiaro e definito profilo economico finanziario, oltre che assolutamente irrealizzabile sul piano tecnico.

Dopo il covid-19, poi, visto il declinante precipitoso declino economico che avvolge Livorno e l’intero mondo occidentale, un piano finanziario siffatto risulterebbe abnorme anche per realtà blasonate come Varazze, La Valletta o Mosca.

Si riporta la TAB. 1 inviata ai Circoli dalla ADSP il 25 febbraio 2019 che trascriviamo per chiarezza di lettura (cfr. Allegato nr. 1)

Anno 1Anno 2Anno 3Anno 4Anno 5Anno 6Anno 7Anno 8
Sconto %Sconto %Sconto %Sconto %Sconto %Sconto %Sconto %Sconto %
Residenti< 12m5050303030157.50
Residenti> 12m40402020201050
No Residenti< 12m3535151515500
No Residenti> 12m2525555000
PORTO TURISTICO DI LIVORNO LISTINO PREZZI PER LOCAZIONI ANNUALI
POSTO BARCA
Lunghezza (m)Larghezza (m)Canone Annuale (€)
6.002.401.555,00
8.003.152.722,00
10.003.754.275,00
12.004.256.120,00
15.005.009.450,00
18.005.7013.543,00
24.006.7519.440,00

N.B. I prezzi sono da considerarsi al netto dell’IVA e delle spese di gestione e dei consumi di acqua ed energia elettrica.

Le spese di gestione sono quelle relative a:

  1. a)  Al personale addetto ai servizi amministrativi e di gestione operativa del porto;
  2. b)  Alle attività di pulizia, manutenzione e sorveglianza;
Avatar

Riccardo Repetti

Nato a Livorno il 4 luglio 1956, compiuti gli studi superiori in specializzazione tecnica, ha coltivato da subito la grande passione per il giornalismo accompagnata dall’amore per la fotografia . Risale al 1986 il primo incarico professionale per la redazione livornese de "La Nazione", che dura fino al 1988, quando a ingaggiarlo è "Il Tirreno", Dal 1992 è iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana, elenco pubblicisti. Concluso il rapporto di lavoro con "Il Tirreno”, dopo 31 anni il 31/12/2019 , dal primo gennaio di quest'anno svolge la libera professione. Attualmente dirige il notiziario on line pentanewslivorno

Un pensiero su “I circoli nautici sbattono la porta in faccia a Vitelli

  1. Ma i controlli vengo effettuati anche in P.zza Garibaldi e dintorni? Stasera trovandomi in quei pressi per motivi di gestione domestica , ho assistito a grandi capannelli di “ospiti ” assolutamente senza maschere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *