AAMPS: come cambia il conferimento rifiuti per l’emergenza sanitaria.

AAMPS: come cambia il conferimento rifiuti per l’emergenza sanitaria.

A causa dell’elevato numero di contagi, l’AAMPS  ritiene opportuno ricordare che i soggetti positivi al “coronavirus” (indicati progressivamente da Asl) e quelli non positivi ma in quarantena obbligatoria devono disfarsi dei rifiuti con la massima attenzione rispettando le disposizioni dell’Istituto Superiore di Sanità recepite a livello regionale e comunale a tutela della salute dei cittadini e degli operatori che effettuano la specifica raccolta.

SOGGETTI NON POSITIVI IN QUARANTENA OBBLIGATORIA O IN ISOLAMENTOEsclusivamente raccolta INDIFFERENZIATA dei rifiuti.

Utilizzare 2/3 sacchetti (uno dentro l’altro) in cui gettare i rifiuti indifferenziati..Indossare guanti monouso per chiudere bene i sacchetti senza schiacciarli con le mani utilizzando lacci o nastro adesivo..Gettare i guanti usati in nuovi sacchetti per il successivo conferimento..

PAZIENTI POSITIVI IN ISOLAMENTO O QUARANTENA OBBLIGATORIAEsclusivamente raccolta INDIFFERENZIATA dei rifiuti.

Gli operatori di Aamps si recano presso le abitazioni indicate dall’Asl per consegnare il kit apposito composto da sacchi, contenitori in cartone e nastro adesivo. A seguire effettuano il servizio di raccolta ritirando ogni 3/5 giorni (a seconda delle necessità rappresentate direttamente dai fruitori) i rifiuti indifferenziati collocati in sacchi ben chiusi all’interno di cartoni sigillati..Eventuali oggetti pungenti o taglienti devono essere avvolti con cura (es. con tessuti) per evitare la rottura accidentale dei sacchi..Segue il trasporto immediato presso l’impianto di via dell’Artigianato (incenerimento del materiale senza trattamento preliminare)

Ciò significa che la maggior parte dei cittadini devono continuare a conferire i rifiuti differenziati rispettando i giorni/orari di esposizione delle diverse frazioni merceologiche (organico, multimateriale, carta-cartone, vetro, indifferenziato) indicati nei calendari dedicati..Anche i Centri di raccolta in via Cattaneo e in via degli Arrotini sono aperti regolarmente (non è necessario prenotare anticipatamente l’accesso), così come è attivo il servizio con le Isole Ecologiche Mobili, quello di raccolta degli oli vegetali esausti (il secondo e il quarto giovedì del mese), quello per la raccolta a domicilio degli ingombranti, dei beni durevoli e degli scalci-potature a domicilio (prenotazioni: numero verde 800-031.266 da rete fissa, tel. 0586/416.350 da rete mobile, info@aamps.livorno.it, App “ Aamps Livorno”) e quello a supporto dei commercianti per la sanificazione dei locali (richiesta preventivo: ddd@aamps.livorno.it).

Ulteriori raccomandazioni a cura dell’Istituto Superiore della Sanità:

Chi è raffreddato deve usare i fazzoletti di carta e poi gettarli nel contenitore dell’indifferenziato–

I guanti e le mascherine vanno gettati subito dopo l’utilizzo nel contenitore dell’indifferenziato–

Per i rifiuti indifferenziati usare 2/3 sacchetti uno dentro l’altro (che siano possibilmente resistenti)

I sacchetti per i rifiuti indifferenziati devono essere ben chiusi (utilizzare un laccio o un nastro adesivo) e non devono essere compressi.

Avatar

Riccardo Repetti

Nato a Livorno il 4 luglio 1956, compiuti gli studi superiori in specializzazione tecnica, ha coltivato da subito la grande passione per il giornalismo accompagnata dall’amore per la fotografia . Risale al 1986 il primo incarico professionale per la redazione livornese de "La Nazione", che dura fino al 1988, quando a ingaggiarlo è "Il Tirreno", Dal 1992 è iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Toscana, elenco pubblicisti. Concluso il rapporto di lavoro con "Il Tirreno”, dopo 31 anni il 31/12/2019 , dal primo gennaio di quest'anno svolge la libera professione. Attualmente dirige il notiziario on line pentanewslivorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *